Immaginazione creatività e coping nella malattia oncologica

Firenze, sabato 10 e domenica 11 Maggio 2008

Psico oncologia

Le visualizzazioni e l’arte-terapia sono forme di cura complementari che portano considerevole sostegno e aiuto nei pazienti: aiutano ad assumere un ruolo attivo, ad affrontare le emozioni e recuperare forza e autostima. Le immagini ed il lavoro creativo spesso diventano ricchi di significato e simbolismo per la persona. La ricerca scientifica basata sull’evidenza mostra come i pazienti che partecipano alle tecniche immaginative e all’arte-terapia hanno migliori risultati con i trattamenti medici, minori effetti collaterali e miglior coping in generale.

Jan Taal, Ph. D. è psicologo della salute, trainer e direttore della “Scuola per l’immaginazione” ad Amsterdam, Olanda. Ha una formazione in psicosintesi e lavora come terapeuta e formatore in tecniche immaginative ed in psicosintesi. Oltre al lavoro con professionisti collabora con le istituzioni nello sviluppo di gruppi di lavoro e nella creazione di un clima creativo nelle organizzazioni. Lavora con i pazienti oncologici dal 1980 ed ha diretto due manifestazioni internazionali sulla “Creatività e Cancro” nel 1998 e nel 2003 in cooperazione con la Società Oncologica Olandese. Attualmente Jan è impegnato in un progetto di medicina integrata in un ospedale dove coordina un progetto musicale e teatrale sul modo di fronteggiare la malattia oncologica.

Obiettivi del seminario:

  • sperimentare con le diverse modalità con le quali le visualizzazione possono essere usate con persone malate di cancro
  • apprendimento dei punti di forza e dei limiti delle tecniche immaginative
  • familiarizzare con le diverse forti emozioni e con la sofferenza provocata dal cancro
  • esplorare i vissuti relativi alla morte e al morire, così come la realizzazione di sé quando si è a tu per tu con il cancro
  • esplorare come psicoterapeuti e counselor il proprio processo interiore (controtransfert) in relazione al cancro e ai malati oncologici
  • esplorare le modalità per valorizzare gli approcci immaginativi nella pratica clinica negli ospedali, cliniche, centri di riabilitazione e nella pratica terapeutica privata

Oltre al versante delle tecniche verrà data attenzione al percorso personale dei partecipanti essendo evidente quanto l’argomento tocchi ciascuno in vari modi da un punto di vista psicologico ed emotivo.

Durante il seminario vi sarà spazio per casi clinici, teoria, dimostrazioni, esercizi esperienze, discussione, elaborazione dei processi personali dei partecipanti. A causa dei limiti di tempo alcuni argomenti saranno trattati estensivamente ed altri brevemente.

Il seminario teorico-esperienziale è rivolto a medici, psicologi, psicoterapeuti e counselor

Sarà effettuata una traduzione simultanea.

Massimo 20 partecipanti

Orari del corso:

Sabato 11 maggio: 10,00-13,00 e 14,30-19,00

Domenica 12 maggio: 10,00-13,00 e 14,30-17,30

Costo del corso: 150 euro

Il pagamento di 120 euro è richiesto al momento dell’iscrizione

Per informazioni contattare la Segreteria della Sipt

2008-03-11T19:26:24+02:00 11 Marzo 2008|